Continua l’opera di manutenzione della Caffarella in accordo con l’Ente Parco, il Comune di Roma e la Regione Lazio

Aggiornamenti dall’Associazione di volontariato – Comitato per il Parco della Caffarella

Continua l’opera di manutenzione della Caffarella in accordo con l’Ente Parco, il Comune di Roma e la Regione Lazio, effettuando lo sfalcio con il trattore acquistato grazie al vostro 5×1000 e tagliando l’erba con le cesoie lungo le staccionate e le recinzioni. Raccogliamo continuamente i rifiuti e quindi preghiamo tutti di aiutarci in questo compito: chi raccoglierà un sacchetto di rifiuti riceverà in dono un nostro libro della Caffarella o del VII Municipio a sua scelta; per avere il libro basta recarsi alla Casa del Parco-Casale Vigna Cardinali con il sacchetto d’immondizia, che deve essere poi depositato nei cassonetti all’esterno del Parco.

Un’altra buona notizia è che dei 3 sfasciacarrozze di via dell’Almone l’unico rimasto ancora aperto sembra che stia smobilitando.
Ricordiamo inoltre che tutti e 3 gli sfasci, a gennaio di quest’anno, sono stati rinviati a giudizio per inquinamento del suolo della Caffarella e del fiume Almone. Vogliamo ringraziarvi per averci sostenuto in questa ulteriore battaglia che stiamo per vincere.

Dopo aver sistemato negli anni passati le staccionate, le panchine, la recinzione dell’area cani e reso accessibile ai disabili la Casa del Parco, grazie al vostro 5 x 1000, quest’anno riallestiremo i giochi dei bambini, situati sotto Largo Tacchi Venturi, in gran parte smantellati dal Comune perché pericolosi. Abbiamo già preso contatti con Roma Capitale – Assessorato all’Ambiente – settore Aree ludiche. Vi comunicheremo per tempo l’inizio dei lavori previa autorizzazione dell’Ente Parco Appia Antica.

Abbiamo poi chiesto un incontro all’Assessorato all’Ambiente per sapere l’andamento dell’iter per la liberazione delle aree su via Appia Antica, espropriate nel 2005. Sappiamo per certo che, dopo le nostre/vostre continue sollecitazioni, il Comune ha interrotto la detenzione precaria, quindi queste aree sono rientrate nel possesso del patrimonio comunale e non c’è più il rischio dell’usucapione. Ma non ci basta vogliamo che siano tutte fruibili dai cittadini.

La richiesta d’incontro all’Assessorato all’ambiente riguarda anche lo stanziamento di 1.499.000 euro per la sistemazione della Caffarella in bilancio di spesa del 2019. Abbiamo visto il progetto preliminare, chiediamo di visionare quello esecutivo.

[ via ]