Viabilità a Capannelle: si riapre il dibattito sulla sicurezza stradale – RomaToday

Viabilità a Capannelle: si riapre il dibattito sulla sicurezza stradale - RomaToday

Tra strade dissestate, pochi marciapiedi e tunnel stretti e senza parapedonali, la viabilità a Capannelle resta problematica. I residenti nel segnalare i disagi continuano ad avanzare proposte d’interventi

Tunnel Capannelle-2-2

C’è un tunnel, a Capannelle, che divide in due il quartiere. Almeno per i pedoni ed i ciclisti, la cesura sembra infatti esser piuttosto netta. In assenza di marciapiede e  parapedonali, il passaggio sotto l’infrastruttura non è affatto agevole. Anzi, rappresenta un fattore di rischio piuttosto evidente, su cui si stanno confrontando i residenti.

IL PROBLEMA DEL TUNNEL – Sopra al tunnel, situato tra via di Santa Severina e via del Calicetto, passa la ferrovia. Sotto, a malapena un’automobile, poiché la strada è in effetti a senso alternato. Cosa fare dunque per garantire, oltre al transito di una vettura, anche il passaggio di un pedone o di un ciclista? “La prima cosa da fare è misurarlo” ha osservato il Presidente del Comitato di Quartiere Guido Marinelli, rispondendo alle sollecitazioni dei residenti.

IL NECESSARIO ALLARGAMENTO – C’è chi propone di mettere dei parapedonali, e chi invece suggerisce di installare dei semafori. Quest’ultima opzione “sembra che dovrebbe creare troppe file – spiega Marinelli – così almeno ci ha risposto il Dipartimento alla Mobilità. Per questo abbiamo presentato la proposta di allargare via di Capannelle e di fare una corsia di accumulo per la svolta. Ma ovviamente non ci sono i soldi” ricorda mestamente il Presidente del CdQ.

IL CALVARIO DELLA VIABILITA’ – In assenza di interventi però, strade di Capannelle e Statuario, continuano a rappresentare un calvario. In molti tratti non esistono i marciapiedi e  quindi anche  la semplice apertura di un cantiere, può contribuire a peggiorare la viabilità . Il manto stradale, in alcuni tratti decisamente dissestato, non migliora poi il quadro. A tal riguardo il Comitato di Quartiere ha scritto al Vicesindaco Nieri, cui è stata conferita la delega alle Periferie, a cui è stato proposto “proposto di mettere i sampietrini dismessi dal centro nell’ultima parte di Viale Appio Claudio, al posto del battuto di terra pieno di buche”.

[ via ]