I cuccioli di gatto e Quarto Miglio (in una barzelletta)

I cuccioli di gatto e Quarto Miglio (in una barzelletta)

Due romani s’ incontrano:
“Come stai?”
“Ma sta bbono va’, ciò certi casini! ‘A gatta m’ ha fatto 15 cuccioli, che ce faccio?”
“E buttali no?”
“Ahò, ma sei n’animale! Pòre bestie!”
“Ma pe’ butta’ ‘ntendo di’ de lascialli lontano da casa, magari viscino a quarche centro sportivo, che se troveno da magna’ e da vive.
Pe’ esempio, tu abiti a San Giovanni, li porti ar fosso de la Marana, vicino ar Tennis Clubbe e hai risorto!”
“Pò èsse na bòna idea! Te faccio sape’!”

Passa ‘n giorno e ‘o richiama:
“Ahò! Ma chè te credi? So’ ritornati tutti e 15 a casa stammatìna! Come cavolo hanno fatto!”
“E’ n’ istinto! Nun te preoccupa’, portali piu’ lontano, ar Quarto Miglio, via di Tor Carbone, davanti ar centro sportivo!”

Passa ‘n giorno e ritelefona all’ amico:
“Ahò! Porca mignotta lurida ‘nfame! So’ ritornati a casa, a piedi, da soooliii!”
“A mali estremi… ascorta me, prendi la Via dei Laghi, imbocca via Spinabella, appena hai passato l’Helio Cabala, prendi il quarto sterrato a destra, fai du chilometri e mezzo e becchi le grotte ndo’ se rifugiavano li nonni durante ‘a guera, precisamente ‘a settima sur primo dislivello a sinistra, entri, fai 400 metri, fino a che muore in un anfratto e ‘i lasci li’, e te ‘i levi da le palle! Chiaro?”
“Chiarissimo! Grazie, sei proprio n’ amico sei!”

Passano du’ giorni e mezzo e ‘o richiama: “Alora come è annàta?”
“Ma l’anima de li mejo mortacci tua! Si nun era pe li gatti, cor cavolo he tornavo a casa!!!”

[ barzelletta trovata in rete ]