Per le giornate del 28, 29 e 30 giugno in programma visite alle mostre, incontri per bambini e adulti, attività, eventi, spettacoli, concerti

Per le giornate del 28, 29 e 30 giugno in programma visite alle mostre, incontri per bambini e adulti, attività, eventi, spettacoli, concerti

Roma capitale della cultura. La città, viva e attiva, raccoglie ogni giorno un fitto calendario di incontri, eventi, mostre, attività. Eccone alcuni per il fine settimana di venerdì 28, sabato 29 e domenica 30 giugno.

 

Prende il via sabato 29 la bigliettazione congiunta del nuovo ticket “FORUM PASS. Alla scoperta dei Fori” per accedere al percorso unificato dell’area archeologica dal Foro Romano ai Fori Imperiali, realizzato grazie all’intesa siglata dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali e dal Parco archeologico del Colosseo per conto di Roma Capitale e MIBAC. Per festeggiare i patroni della Capitale, questa prima giornata sarà ad ingresso gratuito, con ingressi dalle 8.30 alle 19.15 per cittadini e turisti. Saranno in tutto cinque gli ingressi dai quali si potrà accedere all’area archeologica unificata con il nuovo unico biglietto “FORUM PASS. Alla scoperta dei Fori”: quattro del Parco Archeologico del Colosseo (largo Corrado Ricci, via Sacra in prossimità dell’arco di Tito, via di San Gregorio, via del Tulliano di fronte al carcere Mamertino) e uno della Sovrintendenza Capitolina (piazza della Madonna di Loreto vicino alla Colonna Traiana).

 

Inoltre, il Museo di Roma a Palazzo Braschi sarà straordinariamente aperto dalle 19 alle 24 (ultimo ingresso alle 23) con la serata-evento Tutt’altra musica. La marchesa Boccapaduli e il suo Cabinet di storia naturale al Museo di Roma, in collaborazione con la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma. La serata inizierà alle 19 con l’eccezionale esposizione al pubblico, al secondo piano, del dipinto di Laurent PécheuxRitratto della marchesa Margherita Sparapani Gentili Boccapaduli (1735-1820), emblematica celebrazione del collezionismo e del mecenatismo artistico del Settecento. Il dipinto è stato messo a disposizione dagli AMICI DEI MUSEI DI ROMA cui è pervenuto per lascito testamentario della principessa Laudomia del Drago. Per l’occasione il Duo violinistico della Youth Orchestra (Florian LekajCezara Georgia Buzila) eseguirà la Sonata in sol maggiore per due violini di Georg Philipp Telemann.

 

Durante la serata il Museo sarà animato da altre due esibizioni musicali: alle 20 nel Salone d’onore al primo piano, la Youth Orchestra, la Cantoria e i Solisti della Fabbrica YAP del Teatro dell’Opera di Roma, diretti dal Maestro Giuseppe Sabbatini, eseguiranno il Requiem in re minore K 626 di Wolfgang Amadeus Mozart; alle 22 nel Cortile, la Youth Orchestra del Teatro dell’Opera Roma diretta dal Maestro Carlo Donadio eseguirà la Sinfonia Classica Op. 25 di Sergej Prokofiev e Ouverture da concerto op. 26 Le Ebridi” di Felix Mendelssohn-Bartholdy.

 

I visitatori potranno accedere alle sale del museo e alle due mostre in corso “Fotografi a Roma. Commissione Roma 2003-2017” e “Roma nella camera oscura. Fotografie della città dall’Ottocento a oggi”, pagando un biglietto pari solo a 1 euroPer i possessori della MIC card l’ingresso sarà invece totalmente gratuito.

 

Fino al 1° settembre 2019, dal lunedì alla domenica dalle 20.45 alle 23.30 (ultimo ingresso alle 22.30), è possibile conoscere L’Ara com’era attraverso un progetto multimediale che utilizza particolari visori in cui elementi virtuali ed elementi reali si fondono al Museo dell’Ara Pacis. I visitatori sono trasportati in una visita immersiva e multisensoriale all’altare voluto da Augusto per celebrare la pace da lui imposta in uno dei più vasti imperi mai esistiti. L’esperienza, tra ricostruzioni in 3D e computer grafica, realtà virtuale e aumentata, della durata di circa 45 minuti, è disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco. I visori non sono utilizzabili al di sotto dei 13 anni.

 

Lo straordinario progetto Viaggi nell’antica Roma, fino al 3 novembre attraverso due appassionanti spettacoli multimediali tutte le sere, racconta e fa rivivere la storia del Foro di Cesare e del Foro di Augusto. Grazie ad appositi sistemi audio con cuffie e accompagnati dalla voce di Piero Angela e dalla visione di filmati e proiezioni che ricostruiscono i due luoghi così come si presentavano nell’antica Roma, gli spettatori potranno godere di una rappresentazione emozionante e allo stesso tempo ricca di informazioni dal grande rigore storico e scientifico. I due spettacoli possono essere ascoltati in 8 lingue (italiano, inglese, francese, russo, spagnolo, tedesco, cinese e giapponese). Le modalità di fruizione sono differenti. Per ilForo di Augusto sono previste tre repliche ogni sera (durata 40 minuti) mentre per il Foro di Cesare è possibile accedere ogni 20 minuti secondo il calendario pubblicato (percorso itinerante in quattro tappe, per la durata complessiva di circa 50 minuti, inclusi i tempi di spostamento).  

Circo Maximo Experience: attraverso un percorso di visita immersiva, indossando gli appositi visori di tipo Zeiss VR One Plus accoppiati con smartphone di tipo iPhone e sistemi auricolari stereofonici, è possibile vedere il Circo Massimo in tutte le sue fasi storiche: dalla semplice e prima costruzione in legno ai fasti dell’età imperiale, dal medioevo fino alla seconda guerra mondiale. Per maggiori informazioni call center 060608 (tutti i giorni ore 9.00-19.00), www.circomaximoexperience.it.

 

Nel fine settimana sono in programma visite guidate condotte da personale specializzato nell’ambito del progetto di accessibilità Musei da toccare, ideato con l’obiettivo di realizzare musei ‘senza frontiere’, a misura di tutti, e offrire all’intero pubblico la possibilità di accedere alle strutture museali e alle aree archeologiche, facilitando l’accesso al patrimonio culturale e valorizzando le buone pratiche rivolte all’inclusione.

Gli appuntamenti sono tre: il 28 giugno dalle 16.00 alle 18.30 La Casina delle meraviglie alla Casina delle Civette di Villa Torlonia; il 29 giugno Il Pleistocene da toccare al Museo di Casal de’ Pazzi dalle 10.30 alle 13.00; il 30 giugno dalle 10.00 alle 12.30 Esplorazioni tattili all’Ara Pacis.

Le visite tattili-sensoriali sono visite speciali rivolte al pubblico dei visitatori con disabilità. Prenotazione obbligatoria al numero 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00).

 

Fotografia e femminismo negli anni ’70 in Italia è l’evento on open air previsto venerdì 28 giugno dalle 19.30 alla Galleria d’Arte Moderna con Raffaella Perna (Sapienza, Università degli Studi di Roma) e le performance di Tomaso Binga, Silvia Giambrone e Donatella Vici. Visita guidata, ancora alla Galleria d’Arte Moderna sabato 29 giugno alle 17.00, dal titolo Oltre la clausura: il Museo dei cittadini, per esplorare la storia della Galleria, degli spazi dell’ex convento di San Giuseppe in cui è collocata e di una collezione nata per la città e per i cittadini.

 

Molti gli appuntamenti del fine settimana al Museo di Zoologia: Dalla Terra all’Universo (il 29 giugno alle 11.00, 12.00 e 17.30; il 30 giugno alle 11.00 e 17.30) con proiezione nel planetario mobile per giovani e adulti: un percorso attraverso la storia delle osservazioni astronomiche, dagli antichi calendari ai potenti telescopi spaziali, fino alle conoscenze attuali sulla vita delle stelle, sulla natura dei pianeti e sull’espansione dell’universo.

Alle 16.30 del 29 giugno, il film Mondi Lontani – Vita aliena? indaga sulle condizioni richieste per la vita, a cominciare da pianeti e lune nel nostro Sistema Solare e avventurandosi verso alcuni dei pianeti extrasolari appena scoperti in orbita attorno ad altre stelle.

Dalle 20.30 alle 23.00 la serata di sabato 29 giugno al Museo di Zoologia propone l’entusiasmante esplorazione notturna di AreAvventura 2019: Animal Night – Animali della Notte a Villa Borghese. Un biologo esperto accompagna i visitatori in una straordinaria esperienza sul campo, per condividere il momento del richiamo, dell’avvistamento e del riconoscimento degli animali notturni della città

Spettacoli per bambini il 30 giugno insieme al Dottor Stellarium alla scoperta delle stelle (alle 12.00) e del sole (alle 16.30).  

 

Other Colors trio è il concerto previsto nel portico della Casina delle Civette di Villa Torlonia domenica 30 giugno alle 11.00, un progetto musicale ideato e composto da Andrea Mancini, sviluppato e migliorato negli anni, una musica fortemente strutturata legata in modo indissolubile all’estemporaneità. Andrea Mancini, Sax Soprano e Contralto; Andrea Passini, Contrabbasso; Daniele Sechi, Batteria. 

 

A caccia di tesori con Augusto e la sua famiglia al Museo dell’Ara Pacis domenica 30 giugno alle 17.00 è una visita didattica gioiosa rivolta a bambini dai 5 agli 11 anni e ai loro genitori. Durante la visita i partecipanti sono stimolati alla ricerca di particolari e dettagli raffigurati sul monumento.

Oltre al grande patrimonio di collezioni permanenti, nei Musei della capitale sono sempre numerose, varie e interessanti le mostre da visitare durante il fine settimana.

 

Ai Musei Capitolini, L’Arte Ritrovata propone un mosaico di testimonianze archeologiche e storico artistiche, dall’VIII secolo a.C. all’età moderna, altamente simbolico e rappresentativo della pluridecennale azione di salvaguardia operata dall’Arma dei Carabinieri.

 

Al Museo di Roma in Trastevere tre le mostre in corso: ultimi giorni per Memoria del Perù, scatti che illustrano storie di conquista e migrazione con gli elementi sociali, culturali e geografici di un intero paese. Continua fino all’8 settembre UNSEEN / NON VISTI, viaggio fotografico in un’Europa sconosciuta, tagliata fuori dallo sviluppo economico, dall’attenzione della politica e dei media. Fino al 6 ottobre Emiliano Mancuso. Una diversa bellezza. Italia 2003 – 2018, dedicata al lavoro del fotografo, scomparso prematuramente lo scorso anno. Dalle immagini emerge un’umanità dolente, un’Italia ferita alla costante ricerca della sua identità in un perenne oscillare tra la conferma dello stereotipo e la cartolina malinconica.

 

Al Museo dell’Ara Pacis, Claudio Imperatore conduce alla scoperta di vita e regno del discusso imperatore romano, dalla nascita a Lione nel 10 a.C. fino alla morte a Roma nel 54 d.C., mettendone in luce la personalità, l’operato politico e amministrativo, il legame con la figura di Augusto e con il celebre fratello Germanico, il tragico rapporto con le mogli Messalina e Agrippina, sullo sfondo della corte imperiale romana e delle controverse vicende della dinastia giulio-claudia.

 

Ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali prosegue fino al 18 ottobre Mortali Immortali, tesori del Sichuan nell’antica Cina con reperti in bronzo, oro, giada e terracotta, databili dall’età del bronzo (II millennio a.C.) fino all’epoca Han (II secolo d.C.) provenienti da importanti istituzioni cinesi.

 

Al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, l’esposizione dedicata all’archeologo e mercante d’arteLudwig Pollak (Praga 1868 – Auschwitz 1943) racconta la storia professionale e personale del grande collezionista, le sue origini nel ghetto di Praga, gli anni d’oro del collezionismo internazionale fino alla tragica fine nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

 

Volti di Roma alla Centrale Montemartini. Fotografie di Luigi Spina presenta immagini fotografiche che ritraggono 37 volti antichi in marmo o travertino, significativi esempi delle collezioni capitoline alla Centrale Montemartini.

 

Alla Galleria d’Arte Moderna, Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, una riflessione sulla figura femminile attraverso artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e temperie culturali tra fine Ottocento, lungo tutto il Novecento e fino ai giorni nostri. Inoltre, nel chiostro giardino della Galleria d’Arte Moderna Wechselspiel, installazioni di Paolo Bielli e Susanne Kessler, un doppio percorso che si collega alla mostra in corso e alle sculture del chiostro.

 

Fino al 30 giugno al Museo Pietro Canonica di Villa Borghese Verdi Armonie. I giardini di Roma all’acquerello: circa 60 acquerelli di vario formato che illustrano i giardini di Roma, realizzati da sette artisti contemporanei, Raffaele Arringoli, Emanuela Chiavoni, Fausta D’Ubaldo, Sergio Macchioli, Gabriella Morbin, Luisa Saraceni (Luz) e Silvano Tacus.

 

Alla Casina delle Civette di Villa Torlonia La fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980 racconta la storia della vetreria artistica della Fratelli Toso a partire dal 1930, l’anno più importante per la ricerca della manifattura, fino al 1980, epoca in cui ha cessato la propria attività. Esposte più di 50 opere in vetro, tutti pezzi unici e rari provenienti direttamente dalla loro collezione. Sempre alla Casina delle Civette Clara Garesio. Mirabilia e Naturalia. Ceramiche e carte propone una selezione di opere fittili della storica ceramista di formazione faentina, tutti esemplari unici appartenenti alla più recente produzione dell’artista, con alcune opere inedite e installazioni site specific concepite per gli spazi del museo.

 

Al Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese con Frank Holliday in Rome uno degli artisti del Club 57 – lo storico locale dell’East Village al quale recentemente il MoMA di New York ha dedicato una grande mostra – fa il suo primo ingresso in un’istituzione museale italiana attraverso 36 opere dipinte nel suo studio vicino a Piazza Navona, dove ha lavorato alacremente avendo come ispirazione le opere dei maestri della storia dell’arte. Il percorso espositivo comprende anche la proiezione del film inedito di Anney Bonney “Roman Holliday”.

Al Casino dei Principi di Villa Torlonia Luigi Boille. Luoghi di luce, scrittura del silenzio, curata da Claudia Terenzi e Bruno Aller, con il sostegno dell’Archivio Luigi Boille. Una panoramica di più di ottanta opere che raccontano il percorso artistico del Maestro dal 1958 al 2015.

 

Per i possessori della MIC card è gratuito l’accesso ai Musei Civici e ai siti archeologici e artistici della Sovrintendenza Capitolina. Sono inoltre gratuite le visite e le attività didattiche effettuate dai funzionari della Sovrintendenza Capitolina che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo, mentre non sono comprese le mostre al Museo di Roma a Palazzo Braschi e al Museo dell’Ara Pacis e l’esperienza di realtà aumentata al Circo Massimo. La MIC card, al costo di 5 euro, permette l’ingresso illimitato negli spazi indicati per 12 mesi. Per informazioni www.museiincomuneroma.

 

Alla Casa della Memoria e della Storia, venerdì 28 giugno è visitabile WOMEN. La mostra fotografica di Emanuela Caso, a ingresso libero, che racconta l’universo delle donne, le loro qualità ed espressioni in un lungo viaggio tra Oriente e Occidente.

 

Alla Casa del Cinema con l’estate torna, dal 27 al 30 giugno, la Festa del cinema bulgaro Tutte le facce dell’amore alla sua dodicesima edizione con la proiezione il 28 giugno alle 19:30 di Sempre libera. Sonya Yoncheva di Georghi Toshev; alle 21.30 Una foto con Yuki di Lachezar Avramov. Il 29 giugno alle 17.30 Yordan Radichkov. Cronаche di Čerkasky di Dimitar Petkov; alle 19.00 Ivan Andonov. Lasciatemi volare almeno per un attimo di Galina Kraleva; alle 21.30 Bad girl, cattiva ragazza di Marian Valev. Domenica 30 giugno alle 18.30 proiezione di Gomma da masticare di Stanislav Todorov Rogi; alle 20.30 La gola del diavolo di Pavel Vesnakov, Dimitar Dimitrov e alle 21.30 Benzina di Katerina Goranova di Assen Blatechki.

Inoltre, fino al 3 luglio prossimo, lungo le pareti di accesso alla Sala Deluxe è possibile ammirare la corposa mostra fotografica Omaggio a Franco Gasparri, stella degli anni ’70, composta da cento ritratti, 150 scatti, video e copie originali di fotoromanzi d’epoca provenienti da collezioni private, dagli archivi della casa editrice Lancio e da quelli di produzioni cinematografiche. I materiali, suddivisi in tre sezioni – “Primi passi: in famiglia e tra amici”, “1970-1980: gli anni d’oro del fotoromanzo, eroe dei fumetti da Jacques Douglas a Lancio Story” e “Nel cinema da protagonista: poliziotto ma non solo” –, ripercorrono la vita dell’attore e parlano di un’epoca complessa e ormai lontana: quella degli anni ’70 in Italia. A impreziosire il percorso ci sono anche: un angolo dedicato all’esposizione e alla consultazione di fotoromanzi e fumetti rari di e su Franco Gasparri, per ritrovare le storie che hanno fatto sognare una generazione, una sezione video costituita da montaggi di filmati privati (super 8) e professionali e, infine, un’esposizione di locandine cinematografiche dei suoi film realizzate dal padre Rodolfo Gasparri (noto pittore e cartellonista cinematografico), opere di immenso valore artistico.