Trasporto pubblico, la razionalizzazione riduce le corse nella zona sud-est: “Si tagliano 1300 km al giorno”

Trasporto pubblico, la razionalizzazione riduce le corse nella zona sud-est: "Si tagliano 1300 km al giorno"

Nel quadrante compreso tra Quarto Miglio, Statuario e Capannelle l’impatto più consistente. Piccolo-Battaglia (PD): “Il Municipio VII si opponga a questi tagli”

Novità in vista per i quartieri di Capannelle. Statuario, Villaggio Appio e Quarto Miglio. Nel quadrante, il processo di razionalizzazione del trasporto pubblico, rischia di avere serie ripercussioni.

“E’ prevista la soppressione di sei linee in quel quadrante” avvertono la consigliera capitolina Ilaria Piccolo ed Erica Battaglia, della direzione regionale del PD. Le due democratiche annunciano “un taglio di circa 1305 km giornalieri” che, per alcune categorie della popolazione, potrebbe diventare dirimenti.  Il conto è presto fatto.

La linea che portava ai poliambulatori

Uno degli aspetti che preoccupa maggiormente rappresenta  la soppressione del 662 dal capolinea a Quarto Miglio al capolinea presso la Asl di via Cartagine al Quadraro. “E’ un  taglio di 300 km di percorrenza giornalieri e danneggia soprattutto quella fascia di popolazione anziana che, evitando di dover arrivare alla metropolitana con altro autobus, poteva con un solo mezzoraggiungere i poliambulatori al di la’ dell’Appia ed a ridosso di via Tuscolana”.

Le modifiche al 118: diventa una linea turistica

E’ stata contestata nche la scelta  di tagliare km, circa 70,  alla linea 118 che oggi va dal capolinea a Statuario al capolinea al centro di Roma. “Nella proposta avanzata dal M5S, non dovrebbe più servire i quartieri in cui passa” ed avviandosi sull’Appia Pignatelli, l’autobus rischia di “trasformarsi  in una mera linea turistica, lasciando scoperti i bisogni di mobilità di cittadini e residenti” lamentano Battaglie e Piccolo.

La linea circolare

Nel calderone della razionalizzazione finisce anche il 664 che diventa circolare, con capolinea unico a Colli Albani. Ma così facendo “si toglie un servizio agli abitanti di Capannelle dove l’autobus  ha sempre avuto un capolinea che è utile  soprattutto ai tanti studenti che frequentano istituti superiori raggiungibili solo con le metropolitane”. A pagarne pegno sarebbero anche i limitrofi quartieri di Statuario e Quarto Miglio.

L’appello al Municipio VII

Su questa razionalizzazione è chiamato a pronunciarsi il Municipio VII, a partire dalla locale commissione mobilità.  Ed è proprio all’ente di prossimità che si rivolgono Piccolo e Battaglia- “Si respinga in Municipio questa indegna proposta e si apra un tavolo con Roma Capitale e Agenzia per la Mobilità“. Serve ” condividere una nuova progettazione per restiturie  dignita’ ad una periferia, a ridosso del Grande Raccordo Anulare,  che è  sempre piu’ derubata di servizi”. I residenti del quadrante restano col fiato sospeso. Il taglio di tanti chilometri di trasporto pubblico, rischia di penalizzare un intero quadrante.

[ ]