Tutta la verità sulla ciclabile Tuscolana, a cura di Settimo Biciclettari

Tutta la verità sulla ciclabile Tuscolana, a cura di Settimo Biciclettari

Questo articolo ha lo scopo di illustrare dettagliatamente il progetto della ciclabile di Via Tuscolana. Lo facciamo noi del Settimo Biciclettari perché sembra che sia molto arduo venire a capo della documentazione ufficiale. Partiamo dalla fine o meglio dall’ultima pagina della relazione redatta da Roma Servizi per la Mobilità: il quadro economico dell’opera. Il progetto della ciclabile sulla Tuscolana avrà un costo complessivo per la città di 685.000 € , più del doppio rispetto all’importo che circolava fino a qualche tempo fa di 350.000 €.

 

 

Elaborato grafico del progetto esecutivo

 

Come mai questo incremento vertiginoso dei costi? Il sospetto che viene da queste parti è che il progetto sia stato rimaneggiato rispetto alla prima versione con bike-lane (corsia ciclabile non protetta) per le motivazioni che avevamo espresso qui ovvero che la sosta selvaggia avrebbe reso inutilizzabile in poco tempo questa opera. Così a settembre del 2017 esce la versione definitiva del progetto, rivista e corretta. La bike-lane viene utilizzata solo per gli incroci e si torna alla vecchia e cara ciclabile.

E come si fa una ciclabile nella consolare più trafficata di Roma? Si mette un cordolo di travertino e tutti gli accorgimenti di questo mondo per mettere in sicurezza il tratto che va dalla fermata della metro Porta Furba – Quadraro fino a Piazza di Cinecittà e viceversa. Non vediamo l’ora che venga realizzata, noi ciclisti del Settimo, perché ci divertiremo un mondo a fare il tragitto da Piazza di Cinecittà alla salita del Quadraro e poi di nuovo tutti quanti verso Piazza di Cinecittà. Orde di ciclisti invaderanno la Tuscolana per provare l’emozione breve ma intensa di 2 (virgola 2) chilometri di ciclabile.

Per divertirci tutti quanti insieme, l’Amministrazione ha pensato anche a voi automobilisti ed è per questo che la Tuscolana diventerà ad 1 sola corsia.

Cosa state dicendo? Che alle 8 di mattina la fila inizierà direttamente a Frascati per entrare a Roma? Basta co’ ste maghine! Prendete l’ATAC!

Che dite? Che l’Atacche nun passa? Prendete la bici, allora! Ecco, ora c’avete pure la ciclabile sulla Tuscolana (sempre che arriviate vivi a Piazza di Cinecittà). L’ipotesi 1 è, quindi, che dal giorno dopo lasceremo tutti le automobili per andare in bici al lavoro grazie alla ciclabile sulla Tuscolana. L’ipotesi 2 è che tutte le vie e i quartieri limitrofi alla Via Tuscolana saranno inondati dal traffico.

La ciclabile (così come la bike-lane) sulla Tuscolana si basa su una filosofia distorta che cerca di scopiazzare modelli europei all’avanguardia sulla mobilità sostenibile. Questi modelli vengono, tuttavia, applicati con successo in città dove da quarant’anni si lavora per incrementare il trasporto pubblico, per creare una rete ciclabile, per premiare chi lascia l’automobile a casa, per formare una nuova cultura della sostenibilità. Fare una ciclabile di 2 (virgola 2) km sulla via più trafficata e inquinata di Roma è inutile per i ciclisti, costoso per la collettività e fortemente impattante per gli automobilisti.

Il Settimo Biciclettari è convinto che la mobilità sostenibile a Roma non si possa affrontare con queste logiche e che la ciclabile sulla Tuscolana porterà solo il riversamento del traffico veicolare di questa consolare in vie limitrofe. Questo con pesanti disagi per gli automobilisti e i residenti.

Per questo noi contiamo a credere in maniera sempre più convinta al progetto dell’Asse degli Acquedotti che:

  • consente di tenere il tracciato ciclo-pedonale lontano da quello delle automobili;
  • consente di collegare 13 km di città (da Ciampino al Centro) sfruttando i nostri meravigliosi parchi;
  • mette a sistema tutte le ciclabili esistenti creando una rete di collegamenti che raggiunge tutti i nostri quartieri, la stazione di Anagnina e tutte le altre fermate della metro A;
  • valorizza le nostre bellezze archeologiche e può essere un volano per l’economia locale;
  • ha un costo di realizzazione nettamente inferiore rispetto alla ciclabile sulla Tuscolana, sia in termini assoluti sia nel rapporto costo a chilometro.

[ via ]